scuola di archivistica, paleografia e diplomatica


Presso l'Archivio di Stato di Roma è istituita, la Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica, ai sensi del D.P.R. 30 settembre 1963, n. 1409.


Direttore della Scuola: dott. Paolo Buonora
as-rm@beniculturali.it

Coordinatore scientifico: dott. Raffaele Pittella
raffaeleantoniocosimo.pittella@beniculturali.it

Segreteria: sigg.re Laura Petrini, Mafalda Peluso
laura.petrini@beniculturali.it


I corsi di archivistica, paleografia e diplomatica hanno durata biennale. Le tre materie principali si suddividono, a loro volta, in più insegnamenti: per esempio l'archivistica si articola in "archivistica generale", comprendente la dottrina archivistica, la legislazione, la storia degli archivi e dell'archivistica, l'archiveconomia, e in "archivistica speciale" o storia delle istituzioni .

Parimenti la diplomatica può suddividersi in diplomatica generale e speciale, quest'ultima consistendo nello studio dei documenti prodotti da qualche specifica autorità (papa, imperatore, comuni, etc.).

Alle materie fondamentali vengono frequentemente affiancate nozioni di altre materie (araldica, numismatica, sfragistica, informatica applicata agli archivi, metrologia, codicologia, bibliografia, biblioteconomia, sigillografia etc. ), secondo i calendari mensili che sono a tempo debito distribuiti.
Le discipline insegnate nella Scuola fanno riferimento non solo alle esigenze connesse alla conservazione degli archivi storici, ma anche alla produzione e conservazione degli archivi contemporanei, inclusi quelli digitali.

Modalità d'accesso e di iscrizione

Leggi Avviso valido per il biennio 2015-17 - modulistica: prova di ammissione, autocertificazione, iscrizione

Il titolo richiesto è il Diploma di scuola media superiore.
A partire dal biennio 2015-2017, il numero massimo degli allievi è fissato a 30 (senza limiti di età), fermo restando che gli archivisti di area C in servizio presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali sono ammessi di diritto alla Scuola. Questi ultimi dovranno allegare alla domanda di iscrizione una dichiarazione dell’Ufficio al quale appartengono, in cui si attestano qualifica, livello e funzioni dell’interessato.

La data della prova di ammissione sarà pubblicata sul sito dell’Archivio di Stato di Roma.

Per la preparazione alla prova di ammissione vedi:
Questionari di ammissione utilizzati in anni precedenti

Iscrizione al II anno

Gli allievi che hanno frequentato il I anno dovranno far pervenire alla segreteria della Scuola entro il 30 giugno 2012 una domanda di iscrizione al 2° anno, in carta legale da €. 16.00
Non sono ammessi al secondo anno coloro che non abbiano frequentato, a norma di regolamento, almeno i 2/3 delle ore previste di ciascun insegnamento
Nel caso si rendessero disponibili dei posti, potranno essere ammessi direttamente al II anno allievi esterni, in possesso dei necessari requisiti:
- frequenza del I anno in altra scuola dell’Amministrazione archivistica;
- diploma conseguito presso una delle scuole di archivistica, paleografia e diplomatica equiparate a quelle degli Archivi di Stato;
- superamento degli esami di archivistica, paleografia e diplomatica presso una Università italiana.

Svolgimento delle lezioni

Le lezioni si terranno, di norma, il giovedì dalle ore 9.15 alle ore 13.30 e dalle ore 14.30 alle ore 16.30, ed il venerdì dalle ore 9.15 alle ore 13.30. Tuttavia nel corso dell'anno accademico le lezioni potranno tenersi, dietro tempestivo avviso, in giorni diversi da quelli prefissati.
All'inizio delle lezioni di ogni materia - ai fini della valutazione della frequenza - gli allievi sono tenuti a firmare il foglio di presenza predisposto dalla segreteria.
L'acquisto dei libri di testo é a carico degli iscritti.
La biblioteca della Scuola e quella dell'Archivio di Stato sono consultabili previo accordo con i docenti.

Esami finali di diploma

Gli esami finali, cui sono ammessi gli allievi che hanno seguito almeno i 2/3 di ciascun insegnamento, si svolgono in un unico appello al termine del secondo anno di corso entro il mese di giugno.

Per l'ammissione agli esami è necessario presentare un'apposita domanda redatta su carta legale.

Gli esami finali si articolano in due prove scritte e un colloquio orale. Le prove scritte consistono in una trascrizione paleografica con commento diplomatico di un documento in lingua latina ed in un tema di archivistica. La prova orale consiste nell'esame e nella discussione di quesiti attinenti gli insegnamenti del corso.

La votazione minima necessaria per il conseguimento del diploma è di 105 su 150 (da 30 a 50 punti per ciascuna delle prove scritte, con una votazione media di 35, da 35 a 50 punti per l'orale).

La commissione di esame è presieduta dal direttore dell'Archivio di Stato - che è anche direttore della Scuola - ed è formata da un docente interno, un delegato ministeriale e un docente universitario o un dirigente delle biblioteche pubbliche statali.

Titolo rilasciato

Dopo il superamento dell'esame finale viene redatta una graduatoria di merito, resa pubblica dopo l'approvazione ministeriale. Quindi viene rilasciato il "Diploma di Archivistica, Paleografia e Diplomatica" previsto dall'art. 14 del D.P.R. 30 Settembre 1963 n° 1409.

Per ottenere il diploma originale è necessario presentare alla direzione della scuola una domanda in carta legale (carta semplice per i dipendenti del Ministero per i Beni e attività culturali). I diplomi originali sono consegnati agli aventi diritto dopo il completamento del procedimento amministrativo successivo alla sessione.Il diploma costituisce titolo, ai sensi del citato D.P.R. n° 1409, per assumere la direzione delle Sezioni separate d'archivio delle regioni, delle province, dei comuni capoluogo di provincia, nonché degli archivi di enti pubblici in generale di cui sia stato riconosciuto con decreto ministeriale il particolare interesse storico.