Il giovane Caravaggio "sine ira et studio"

04/12/2018

Archivio di Stato di Roma - Sala Alessandrina

Giovane Caravaggio

Il prossimo 11 dicembre 2018, alle ore 17.00, verrà presentato il libro Il giovane Caravaggio "sine ira et studio", a cura di Alessandro Zuccari.

Un artista "rivoluzionario" come Caravaggio continua a suscitare polemiche e discussioni. Tuttavia è necessario riportare il dibattito in sede scientifica per giungere a una piena comprensione della sua personalità e della sua pittura. Per questo si è scelto di affrontare la cronologia del giovane Merisi nel modo più obiettivo possibile, "sine ira et studio" ("senza animosità o parzialità", Tacito, Annales 1, 1, 3).
Quando e come Caravaggio giunse dalla Lombardia a Roma resta ancora un mistero, nonostante un abbondante secolo di ricerche. Dall'estate 1592 al 1596 si perdono le tracce dell'artista, quattro anni decisivi che invece sfuggono al nostro controllo. E persino dopo, quando i documenti ricominciano a segnalarlo a Roma, molti sono ancora i dubbi e le questioni aperte sui dipinti che avrebbe eseguito fino all'esordio pubblico in San Luigi dei Francesi.
I contributi raccolti nel volume propongono, con un rigoroso approccio scientifico, approfondite analisi e letture delle opere realizzate dal Merisi fino al 1600 e offrono interessanti novità sulla biografia del pittore (come le notizie tratte dalle inedite Vite di Gaspare Celio). Ne emerge una visione più circostanziata del giovane Caravaggio, ricca di nuovi dati e spunti di riflessione, che fornisce un aggiornato stato degli studi su cui potersi basare in futuro.

Interverranno Raffaella Morselli, Università degli Studi di Teramo, Sebastian Schutze, Università di Vienna, Claudio Strinati, storico dell'arte. Saranno presenti il curatore del volume e gli autori dei saggi.

Documenti da scaricare