Il 24 gennaio 1944 la fuga di Pertini e Saragat dal carcere di Regina Coeli.

23/01/2021

Settantasette anni fa, il 24 gennaio, fu messa in atto una rocambolesca evasione che cambiò la storia d’Italia e segnò il destino della Repubblica Italiana ancora non nata. I protagonisti di questa storia sono Sandro Pertini, Giuseppe Saragat, Luigi Andreoni, Torquato Lunedei, Ulisse Ducci, Luigi Allori e Carlo Bracco, tutti prigionieri politici, in quel momento a disposizione delle forze di occupazioni nazi-fasciste della Capitale. Erano detenuti nel reclusorio romano di Regina Coeli. La vicenda della  fuga da Regina Coeli è storia nota, è stata più volte raccontata. Solo recentemente è stato possibile porre a confronto fonti conservate  presso il Museo storico della Liberazione, l'Archivio di Stato di Roma e la Fondazione di studi storici “Filippo Turati” e riscostruire in maniera puntuale la storia carceraria fornendo date, ore, nomi e circostanze anche legate agli interrogatori.

Il progetto che ha portato alla luce tutti questi aspetti è PRIGIONIERI A ROMA 1943-1944, promosso dal Museo storico della Liberazione e coordinato da Alessia A. Glielmi, con il supporto dell’Archivio della Presidenza della Repubblica che vede impegnati i ricercatori Anastasiya Aushatova, Chiara Barnaba, Chiara Orlandi, Luca Saletti e Doriana Serafini. Esso prevede l’individuazione, il trattamento e l’acquisizione delle fonti che contengono informazioni, dati e documenti relativi ai prigionieri e alle prigioniere reclusi a Roma dalle forze di occupazione nazi-fasciste nelle carceri di Regina Coeli, via Tasso, nella Pensione Oltremare e Iaccarino e altri luoghi di detenzione meno noti nel periodo 8 settembre 1943 – 4 giugno 1944.

Leggi il contibuto: Le “impronte” della Repubblica italiana: la fuga di Saragat e Pertini da Regina Coeli di Alessia A. Glielmi