Ingegneria del Tevere a Roma

2020_GEP_ASR_UTV_locandina_page-0001Un racconto dai documenti dell’Ufficio Speciale del Genio Civile per il Tevere e l’Agro Romano

Per le Giornate Europee del Patrimonio 2020 l’Archivio di Stato di Roma allestisce la mostra Ingegneria del Tevere a Roma. Un racconto dai documenti dell’Ufficio Speciale del Genio Civile per il Tevere e l’Agro Romano. L’evento è organizzato nell’ambito di una convenzione triennale di ricerca con il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica (DICII) dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, per la valorizzazione storico-tecnica del Fondo Genio Civile di Roma.


Per l’occasione, visto il tema delle Giornate del Patrimonio 2020 – Heritage and Education. Learning for Life –, la preparazione della mostra è stata concepita come un laboratorio didattico, coinvolgendo gli studenti dei corsi di laurea afferenti al DICII.


L’esposizione presenta i risultati di una prima ricognizione sull’archivio dell’Ufficio Speciale del Genio Civile per il Tevere e l’Agro Romano, conservato presso la sede decentrata dell’Istituto, in via di Galla Placidia, con l’obiettivo di riscoprire la preziosa collezione documentale, nell’ambito della conoscenza e della valorizzazione delle opere d’ingegneria del Tevere – argini e ponti – nella storia della città di Roma. In un momento in cui la fragilità del territorio è di drammatica attualità, la mostra intende sottolineare anche l’importanza operativa della documentazione dell’Archivio per i progetti di tutela e di manutenzione di queste infrastrutture attualmente in uso e per le analisi della sicurezza delle aree limitrofe al fiume.

 

L’evento è il primo di una serie di contributi dedicati al tema, è diviso in due sezioni: le opere di difesa e le opere attraversamento del fiume.

Nelle sezioni della mostra sono presentati due approfondimenti, volti a illustrare la ricchezza documentale del fondo: il primo è dedicato al progetto dei muraglioni per l’inalveazione del Tevere, realizzati a valle della piena del 1870; il secondo, alla lunga costruzione del ponte alla Magliana (1938-50) tra fascismo, guerra e ricostruzione.


L’esposizione sarà fruibile in sede nei giorni 26 e 27 settembre presso il Complesso di Sant’Ivo alla Sapienza. L’evento è gemellato con la mostra L’Adige e Verona. Ingegneria e città tra Otto e Novecento, fruibile in versione digitale dal sito dell’Archivio di Stato di Verona

 

Scarica la presentazione della mostra


Per un approfondimento: "Il fondo del Genio Civile di Roma: un patrimonio documentario legato al territorio. L'Uffico speciale per il Tevere e l'Agro romano" a cura di Vincenzo De Meo (da Il Mondo degli archivi)